Desideri contattarci? Chiamaci!

+39-0835-382760

COOKIE POLICY. Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca sullo specifico link.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Si è svolta presso l'ex Ospedale di San Rocco in piazza San Giovanni di Matera la mostra del Mastro Storaro, si riferisce sia al mondo della luce che a quello dell’arte in generale. Ha posto a confronto immagini realizzate con impressioni fotografiche sovrapposte tratte fra i lavori più importanti di Storaro. 
Nel corso della mostra si è passati dall’analisi della luce artificiale e naturale, ponendo l’attenzione ai colori come fasi della vita (concepimento, nascita, coscienza) per poi passare all’equilibrio degli elementi primari (acqua, terra, aria e fuoco).

La mostra fa parte di un programma più articolato che comprende seminari ancora da svolgere per approfondire il tema della luce e un concorso rivolto a giovani studenti e professionisti per realizzare uno studio di prefattibilità sull’illuminazione della città di Matera.

Ineltec è onorata di esser stata partner tecnico dell’iniziativa e dell’intero progetto. Stiamo smontando la mostra proprio in questi giorni di abbondanti nevicate….nemmeno la neve ferma il nostro lavoro!

 

Sorprese, calore e famiglia ce lo auguriamo tutti gli anni, ma spesso insieme a Babbo Natale, vengono anche ospiti indesiderati… I LADRI!

Sotto le feste è il periodo più a rischio e più interessante per i ladri, perché spesso le aziende chiudono qualche giorno per le festività, e quindi diventano preda prelibata per malintenzionati che hanno tutto il tempo a disposizione per rubare ciò che trovano e magari lasciare danni ingenti per noi.

Sicuramente non è proprio il regalo che vorremmo trovare al nostro rientro in azienda dalle vacanze natalizie, anche perché non è difficile oltre al danno la beffa, ovvero contattare l’assicurazione e scoprire che tutta una serie di oggetti vittima degli sciacalli non rientrano fra le spese rimborsabili.

Quindi vale la pena di pensare a proteggere la nostra attività, non solo per i beni materiali, ma anche per l’eventualità che i ladri possano anche rubare documenti importanti per i nostri clienti, o semplicemente informazioni e note per noi fondamentali allo svolgimento del nostro lavoro.
Per il tempo che poi dovremmo occupare per gli adempimenti burocratici necessari (denuncia alle forze dell’ordine, assicurazione, resoconto delle refurtiva, ecc.)

Per questo è meglio strutturarsi per tempo e poter davvero trascorrere un Natale festoso e giocoso. Un investimento in tal senso ci porta a far risparmiare nei costi assicurativi ed evitare anche rallentamenti alla produzione per poter ripristinare il tutto come era prima. Oggi questa difesa è possibile grazie a impianti di sicurezzaallarmi e video-sorveglianza. Fortunatamente oggi questi sistemi sono alla portata di tutti, senza opere murarie o con interventi tecnici poco invasivi.

Dotarsi di sistemi di sorveglianza crea un grande deterrente per i malintenzionati, che sanno a quali rischi vanno incontro: le telecamere consentono di identificare e punire chi ha violato il nostro territorio e un avviso sul nostro smartphone ci consente di metterci immediatamente in contatto con questura in modo che intervengano immediatamente per un sopralluogo di controllo

Basta davvero poco per proteggersi, oggi esiste una soluzione per ogni bisogno e necessità, non rischiare un altro Natale imprudente, difenditi con i mezzi leciti a disposizione, noi siamo a tua disposizione per una verifica gratuita e consigliarti la soluzione migliore per te e i tuoi cari

 

 

Sorprese, calore e famiglia ce lo auguriamo tutti gli anni, ma spesso insieme a Babbo Natale, vengono anche ospiti indesiderati… I LADRI!

Sotto le feste soprattutto ci auguriamo pace e serenità, ne abbiamo un grande bisogno, ma è anche il periodo più a rischio e più interessante per i ladri. Spesso lasciamo le nostre case deserte, per vacanze o semplicemente per trascorrere qualche ora dai parenti e complice la nostra gioia natalizia non ci preoccupiamo di difendere sufficientemente le nostre abitazioni o le nostre aziende da malintenzionati. 

Lo spirito natalizio non coinvolge, purtroppo, tutti allo stesso modo, ma induce chi vuole approfittare degli incontri famigliari a pianificare furti più o meno consistenti, conoscendo magari le nostre abitudini e la vulnerabilità delle nostre proprietà.

La loro scaltrezza oltretutto sta raggiungendo dei livelli preoccupanti, non si accontentano più di rubare in luoghi isolati, anche se per poco tempo, ma colpiscono anche quando siamo in casa, approfittando dei classici giochi in scatola, che tengono tutta la famiglia riunita in una stanza in un clima festoso che non consente di prestare attenzione a movimenti o rumori sospetti. Così oltre ai danni fisici che i ladri causano, si aggiunge anche il rischio di mettere in pericolo noi stessi e le nostre famiglie. Spesso corriamo ai ripari quando un nostro conoscente o vicino di casa è stato vittima di vandali o addirittura dopo che è capitato proprio a noi. 

Per questo è meglio strutturarsi per tempo e poter davvero trascorrere un Natale festoso e giocoso. La sicurezza dei propri cari e della nostra casa, che con tanta fatica siamo riusciti a conquistarci merita la nostra attenzione e protezione. Oggi questa difesa è possibile grazie a impianti di sicurezzaallarmi e video-sorveglianza. Fortunatamente oggi questi sistemi sono alla portata di tutti, senza opere murarie o con interventi tecnici poco invasivi.

Dotarsi di sistemi di sorveglianza crea un grande deterrente per i malintenzionati, che sanno a quali rischi vanno incontro: potrebbero non riuscire ad entrare in casa per la presenza di allarmi perimetrali che fanno scattare le sirene che allertano tutto il vicinato e consentono in pochi minuti l’arrivo delle forze dell’ordine. Le telecamere poi consentono di identificare e punire chi ha violato il nostro territorio.

Basta davvero poco per proteggersi, oggi esiste una soluzione per ogni bisogno e necessità, non rischiare un altro Natale imprudente, difenditi con i mezzi leciti a disposizione, noi siamo a tua disposizione per una verifica gratuita e consigliarti la soluzione migliore per te e i tuoi cari

 

Da oggi è possibile inviare ad Enea la documentazione relativa agli interventi di “building automation” (dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti) per accedere alla detrazione delle spese.

L’Enea in un Vademecum specifico spiega quali interventi possono usufruire dell’agevolazione introdotta dalla Legge di Stabilità 2016 e quale documentazione è necessario inviare. 

Building automation: requisiti per accedere alla detrazione

L’Enea specifica che per poter usufruire delle detrazioni l’immobile oggetto d’intervento deve: essere “esistente” alla data della richiesta di detrazione (ossia accatastato); essere in regola con il pagamento di eventuali tributi; essere dotato di impianto di riscaldamento.
 
In caso di ristrutturazione senza demolizione, se essa presenta ampliamenti, è consentita la detrazione solo per la parte non ampliata.
 

Inoltre l’intervento deve configurarsi come fornitura e messa in opera, nelle unità abitative, di dispositivi domotici che consentano la gestione automatica personalizzata degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda sanitaria o di climatizzazione estiva, compreso il loro controllo da remoto attraverso canali multimediali, eseguiti indipendentemente dalle installazioni e sostituzioni di impianti di climatizzazione invernale.
 
I dispositivi devono:
- mostrare attraverso canali multimediali i consumi energetici, mediante la fornitura periodica dei dati;
- mostrare le condizioni di funzionamento correnti e la temperatura di regolazione degli impianti;
- consentire l'accensione, lo spegnimento e la programmazione settimanale degli impianti da remoto.
 
L’Enea specifica anche che sono opere agevolabili: la fornitura e posa in opera di tutte le apparecchiature elettriche, elettroniche e meccaniche nonché delle opere elettriche e murarie necessarie per l’installazione e la messa in funzione a regola d’arte, all’interno degli edifici, di sistemi di building automation degli impianti termici degli edifici.
 
Non si ritengono ricomprese tra le spese ammissibili, l’acquisto di dispositivi che permettono di interagire da remoto con le predette apparecchiature quali telefoni cellulari, tablet e personal computer o dispositivi similari comunque denominati.
 

Detrazione per la domotica: la documentazione necessaria

All’Enea la documentazione va trasmessa esclusivamente attraverso il portale finanziaria 2016, entro i 90 giorni successivi alla fine dei lavori, come da collaudo delle opere o, nel caso di interventi di riqualificazione energetica di basso impatto, come da dichiarazione di conformità.
 
La documentazione da inviare è:
- in caso di semplice installazione, non connessa con la sostituzione del generatore di calore o con l’installazione di pannelli solari: Allegato E al “decreto edifici”;
- in caso di installazione connessa con la sostituzione del generatore di calore (comma 347 della legge finanziaria 2007): Allegato E al “decreto edifici”;
- in caso di installazione connessa con l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda (comma 346 della legge finanziaria 2007): Allegato F al “decreto edifici”.
 
Il cliente però dovrà conservare:
- l’asseverazione redatta da un tecnico abilitato che attesti la rispondenza ai requisiti tecnici richiesti oppure la certificazione del produttore del dispositivo che attesti il rispetto dei medesimi requisiti;
- schede tecniche;
- originale dell’Allegato E o F inviato all’ENEA, firmato (dal tecnico e/o dal cliente);
- fatture relative alle spese sostenute;
- ricevuta del bonifico bancario o postale (modalità di pagamento obbligata nel caso di richiedente persona fisica), che rechi chiaramente come causale il riferimento alla legge finanziaria 2007, numero della fattura e relativa data, oltre ai dati del richiedente la detrazione e del beneficiario del bonifico;
- ricevuta dell’invio effettuato all’ENEA (codice CPID), che costituisce garanzia che la documentazione è stata trasmessa. Nel caso di invio postale, ricevuta della raccomandata postale. Fonte: Edilportale di Alessandra Marra. 

Per approfondimenti o ulteriori informazioni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fonte: